Don Primo Mazzolari, il Cattolicesimo italiano e la questione sociale nel secondo dopoguerra: l’8 e il 9 aprile convegno a Torino

Moderate dal giornalista Paolo Griseri, le due giornate saranno presiedute da Giorgio Vecchio (Fondazione Don Primo Mazzolari) e Marcella Filippa (Fondazione Vera Nocentini)

image_pdfimage_print

La Sala didattica del Polo del ‘900, situata in via del Carmine 14, a Torino, ospiterà, nelle giornate di venerdì 8 aprile (dalle 15) e sabato 9 aprile (dalle 9) il convegno “Cattolici al lavoro. Don Primo Mazzolari, cattolicesimo italiano e questione sociale nel secondo dopoguerra”.

Il convegno prende spunto dal passato per affrontare il presente. Come afferma infatti Paola Bignardi, presidente della Fondazione Don Primo Mazzolari di Bozzolo, tra gli organizzatori del convegno, «il mondo è cambiato, e non solo per la pandemia, ma anche per una guerra con cui mai avremmo immaginato di dover fare i conti. Veramente tutto è cambiato, in questi due anni, e il mondo del lavoro più di altri è segnato da questo cambiamento. Siamo qui anche per interrogarci e per lasciarci interrogare: dalla vita, dalla storia, oltre che dal pensiero di don Primo Mazzolari».

Secondo Gianfranco Zabaldano, presidente della Fondazione Vera Nocentini, «la precarietà e la disoccupazione rendono ancora più centrale oggi la questione del lavoro: come sosteneva Mazzolari, è il lavoro che dà senso alla vita delle persone. La mancanza di lavoro e l’incertezza nell’occupazione offendono la dignità degli uomini e delle donne. Le riflessioni di don Primo aiutano a mettere la questione del lavoro nuovamente al centro della discussione e delle scelte».

Il convegno nasce dalla collaborazione delle due fondazioni promotrici con la Fondazione Carlo Donat-Cattin, il Centro studi Sereno Regis, il Polo teologico torinese – Facoltà teologica dell’Italia settentrionale e la Commissione regionale della Pastorale sociale e del lavoro – Sezione del Piemonte e della Valle d’Aosta, con il patrocinio del Dipartimento di studi storici dell’Università degli studi di Torino.

Durante le giornate, i temi storici saranno affrontati da Stefano Musso e Marta Margotti (Università di Torino), Chiara Bassis (Centro Studi Sereno Regis), Mariangela Maraviglia (Fondazione Don Primo Mazzolari), Francesco Ferrari (Universidad católica de Colombia), Aldo Carera (Università cattolica del Sacro Cuore) e Paolo Trionfini (Università di Parma).

La tavola rotonda conclusiva affronterà l’impatto dell’attuale crisi sui lavoratori e sul lavoro. Interverranno Roberto Benaglia (segretario generale Fim – Cisl), Bruno Bignami (direttore Ufficio nazionale per i problemi sociali e del lavoro della Cei), Irene Bongiovanni (presidente nazionale ConfCooperative – Cultura turismo sport), Gianfranco Bordone (Fondazione Don Mario Operti) e Nicola Scarlatelli (presidente Cna – Torino). Moderate dal giornalista Paolo Griseri, le due giornate saranno presiedute da Giorgio Vecchio (Fondazione Don Primo Mazzolari) e Marcella Filippa (Fondazione Vera Nocentini).

Per partecipare al convegno in presenza sarà obbligatorio esibire il Green Pass rafforzato e tenere indossata correttamente la mascherina di tipo FFP2. È inoltre necessario prenotare l’accesso in sala attraverso i seguenti link:

venerdì 8 aprile, ore 15-19: https://sforce.co/3IjeuF9
sabato 9 aprile, ore 9-12.30: https://sforce.co/3BHB1sT .

Si potranno anche seguire le relazioni a distanza, collegandosi al link: https://bit.ly/3InDeLw. Le registrazioni delle due sessioni saranno disponibili sul canale YouTube della Fondazione Vera Nocentini. Per informazioni contattare info@fondazionemazzolari.it.

Scarica la locandina dell’evento

TeleRadio Cremona Cittanova