MissioConnessi in collegamento con padre Luigi Brioni in Sierra Leone

L'11esima trasmissione a cura dell'Ufficio missionario diocesano porta ad incontrare a Free Town il missionario saveriano originario di Rivarolo del Re
image_pdfimage_print

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

Padre Luigi Brioni, missionario Saveriano, è l’ospite della nuova puntata di MissioConnessi. Padre Brioni, originario della Diocesi di Cremona (Rivarolo del Re), ha risposto alle domande dell’incaricato diocesano per la pastorale missionaria, don Maurizio Ghilardi, dalla città di Free Town, in Sierra Leone.

Formatosi nel Seminario di Cremona prima, presso i Saveriani a Parma poi, Brioni è ordinato sacerdote nel 1961. Dopo una parentesi statunitense, il missionario di origine cremonese sbarca in Sierra Leone nel 1968, dove rimane fino ad oggi.

Don Ghilardi, introducendo la tematica ormai comune – la fraternità –, ha chiesto al proprio ospite di raccontarsi. Dall’alto dei suoi oltre cinquant’anni di missione, padre Brioni ha sottolineato come «il tentativo di costruire legami è sempre stato al centro del mio operare: nei vari ministeri in cui sono stato impegnato, compreso quello di preside di una scuola secondaria, ho cercato di intessere relazioni con tutte le persone che ho avuto la fortuna di incontrare. Certo, come ben sappiamo, si tratta sempre di seminare: il raccolto, poi, non dipende mai esclusivamente dal nostro operato».

Padre Brioni ha poi concluso lasciando un invito, un consiglio alla Chiesa italiana: «Spesso ci si ferma a giudicare senza conoscere la reale situazione di molti paesi del mondo. Ecco perchè si parla di un “loro” e di un “noi”. A livello ecclesiale sarebbe interessante provare a fare un passo in più, come ci ricorda anche la Fratres omnes di Papa Francesco: essere fratelli non significa “fare qualcosa per…”, ma “condividere con…”. È questa la vera sfida».

Archivio delle puntate di MissioConnessi