“Yes We Care_Festival”, l’iniziativa della Fondazione Teresa Camplani fa il 13 giugno tappa anche a Cremona: alle 18 Messa in Cattedrale presieduta dal Vescovo

image_pdfimage_print

Il 13 giugno vede protagonista anche la città di Cremona “Yes We Care_Festival”, l’iniziativa della Fondazione Teresa Camplani (intitolata alla memoria della prima vicaria della fondatrice delle Suore Ancelle della Carità), realtà in cui sono confluite le case di cura Domus Salutis di Brescia, Ancelle della Carità di Cremona, San Clemente di Mantova e l’attività socio-assistenziale Nuova Genesi di Brescia. Fondazione Teresa Camplani, ufficialmente operativa dal 1° settembre 2013, è un ente privato, senza scopo di lucro, accreditato con il sistema sanitario di Regione Lombardia.

Doppio l’appuntamento del 13 giugno all’ombra del Torrazzo: dalle 9.30 alle 17.30 presso la casa di cura Ancelle della Carità si svolgerà la “Giornata del neoinserito”, riservato al personale entrato in Fondazione nel 2023; quindi alle 18 un momento pubblico con la celebrazione Eucaristica che il vescovo Antonio Napolioni presiederà in Cattedrale e che naturalmente vedrà la presenza della suore delle Ancelle insieme alla grande famiglia della Fondazione Teresa Camplani.

La giornata cremonese si colloca all’interno del programma più articolato che prevede diversi appuntamenti tra Brescia, Cremona e Mantova dall’11 al 15 giugno nel contesto di “Yes We Care_Festival”, che rappresenta un’occasione unica per celebrare e raccontare i valori che la Fondazione Teresa Camplani storicamente incarna, attraverso la potenza emotiva e comunicativa delle arti. Incontro, sguardo, presenza” le parole chiave della serie di eventi, dal taglio eclettico e multiforme, che coinvolgeranno le tre città dove la Fondazione Teresa Camplani opera quotidianamente: appunto Brescia, Cremona e Mantova.

Con una programmazione ricca e variegata, il Festival offrirà un articolato palinsesto di concerti, spettacoli, interventi di parola e arti figurative, delineando un cartellone di grande impatto che vedrà protagonisti illustri nomi della cultura contemporanea, pronti a condividere il loro talento e la loro visione. Come suggerisce il titolo stesso, “Yes We Care” è un invito aperto a tutti a connettersi nel segno della vicinanza, esplorando nuove prospettive e rafforzando i legami comunitari. In totale sintonia con l’ethos della Fondazione Teresa Camplani, che- forte di una solida tradizione e al contempo con uno sguardo costantemente rivolto al futuro- si impegna a essere presente e prendersi cura della comunità.

Organizzato in sinergia con Fondazione Francesco Soldano, il Festival sarà dunque l’occasione unica e senza precedenti per raccontare al territorio, attraverso la forza emotiva e comunicativa di molteplici linguaggi espressivi, i valori fondanti di questa realtà che proprio del “prendersi cura” ha fatto un’arte.

Ulteriori informazioni sul progetto, dettagli e prenotazioni: www.fondazionesoldano.com.

 

LE ANCELLE DELLA CARITÀ VALORI E MISSIONE: “ESSERE, ESSERCI, PRENDERSI CURA”

L’esercizio della missione di Fondazione Teresa Camplani si espleta attraverso l’erogazione di servizi sanitari sempre più specializzati e rispondenti alle esigenze dei cittadini, garantendo loro uguaglianza, imparzialità, continuità dell’assistenza, diritto di scelta e partecipazione. Il rispetto dei tempi e l’implementazione continua dei migliori standard qualitativi sono considerati obiettivi imprescindibili al fine di garantire la piena efficienza dei processi organizzativi.

Il rispetto della dignità umana è al centro dell’attività della Fondazione e costituisce la base di partenza di tutte le fasi della presa in carico del paziente.

«L’insegnamento di Paola Di Rosa vive e si rinnova nelle nostre azioni quotidiane – afferma Madre Maria Oliva Bufano, superiora generale delle Ancelle della Carità –. Siamo al servizio delle persone che incontriamo ogni giorno: il percorso di cura, unendo qualità professionale e umanità, rivela e incarna la nostra missione. Desideriamo essere accanto alle persone nell’iter della loro malattia, essere ed esserci per chi ha bisogno. Un modo per offrire una luce, trasformando il dolore in una nuova speranza e in una possibilità di ridisegnare e riscrivere la propria vita».

Il malato ed i suoi familiari vengono coinvolti in ogni aspetto della prestazione medica, curando tutte le dimensioni della persona: fisica, psicologica e spirituale. La comunicazione tra paziente e personale sanitario avviene in maniera attenta e discreta, affinché il paziente sia costantemente aggiornato in merito alla sua condizione, nell’osservanza della visione cristiana sull’essere umano.

Anche in seguito alla dimissione è garantita la continuità di comunicazione tra il paziente e chi ha prestato le cure. I professionisti che prestano la loro attività presso la Fondazione sono vincolati a operare secondo i principi della deontologia specifica della loro figura, mantenendo alto il profilo etico e adottando comportamenti coerenti con il patrimonio morale espresso dalla Chiesa Cattolica.
Affidarsi alle cure della Fondazione Teresa Camplani rappresenta la scelta migliore in termini di tutela della vita, promozione della salute e recupero delle risorse fisiche compromesse. La migliore assistenza per i malati e il rispetto della loro dimensione umana e spirituale rappresentano l’espressione del carisma e degli obiettivi perseguiti dalla Fondazione.

Nel corso degli anni, le strutture della Fondazione hanno sviluppato una vasta gamma di servizi relativi a patologie chirurgiche e internistiche, alla riabilitazione specialistica generale geriatrica, e alla diagnosi ambulatoriale, sulla base delle nuove tecnologie che la sanità oggi propone, mantenendo solide e radicate le scelte secondo principi fondamentali proposti dal Vangelo e dall’insegnamento della Chiesa.