Il 4 dicembre a Soresina l’incontro dei vescovi di Cremona e Crema con i rappresentanti del mondo politico, amministrativo, sociale ed economico del territorio

Spunto per la riflessione dell'incontro, promosso dagli Uffici diocesani di Pastorale sociale e del lavoro, gli echi dalla Settimana sociale di Taranto

image_pdfimage_print

Nel pomeriggio di sabato 4 dicembre, si terrà il tradizionale incontro di inizio Avvento promosso dalla Pastorale sociale e del lavoro coinvolgendo gli esponenti del mondo politico, amministrativo, economico e sociali del territorio. Un incontro che, come già avvenuto negli ultimi anni, le Diocesi di Cremona e Crema organizzano in modo sinergico.

L’appuntamento di quest’anno è nel pomeriggio del 4 dicembre, dalle 15.30, presso il centro parrocchiale di Soresina. Spunto per la riflessione saranno i temi trattati nella recente Settimana sociale dei cattolici italiani, svolta a Taranto.

Dopo l’introduzione del vescovo di Crema, mons. Daniele Gianotti, prenderanno la parola due giovani che hanno partecipato ai lavori di Taranto: la cremonese Ester Tolomini e il cremasco Andrea Aiolfi. Dopo il dibattito sarà il vescovo di Cremona, mons. Antonio Napolioni, a chiudere l’incontro con una riflessione biblica sulle radici della speranza cristiana.

«Ambiente, lavoro e futuro devono essere temi cari alle nostre realtà», afferma Eugenio Bignardi, incaricato diocesano per la Pastorale sociale e del lavoro, riprendendo le tematiche emerse nella 49ª Settimana Sociale dei cattolici italiani. «Sono temi che riguardano tutti i cittadini e non possono essere ignorati», precisa ancora Bignardi sottolineando che la novità della Settimana sociale è quella di «lasciarsi alle spalle le parole fini a loro stesse, concentrandosi sul formare una rete di rapporti al cui centro ci sia l’uomo, basandosi su una sola ma importantissima parola: concretezza».

La partecipazione all’incontro è riservata, su invito, alle autorità istituzionali e del tessuto economico-sociale del territorio provinciale.

TeleRadio Cremona Cittanova