Category Archives: Dalle associazioni

image_pdfimage_print

Il 10 marzo nelle zone i ritiri ACR: aperte le iscrizioni

Domenica 10 marzo si terranno nelle zone pastorali i ritiri di quaresima promossi dall’ACR per i bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. I ritiri saranno ospitati per le zone pastorali 1 e 2 presso l’oratorio di Pandino, per la zona pastorale 3 presso l’oratorio di Sant’Ambrogio a Cremona e per le zone pastorali 4 e 5 presso l’oratorio di Pieve d’Olmi. Il ritrovo sarà alle ore 9.30 con termine alle 16.00 con pranzo al sacco. Continue reading »

Acli Casalmaggiore, il 26 dicembre il “Pranzo di Natale” per vincere la solitudine

Anche quest’anno il Circolo Acli di Casalmaggiore organizza il consueto Pranzo di Natale, che si terrà martedì 26 dicembre alle ore 12.30 presso l’oratorio di San Leonardo. In collaborazione con l’Unità pastorale di Casalmaggiore, il Comune di Casalmaggiore e l’Istituto Romani nell’ambito del progetto “La mia scuola educa alla pace”, il pranzo ha l’obiettivo di proporre un momento di convivialità per la cittadinanza durante le festività natalizie, che possono essere momento di grande gioia ma anche di solitudine per chi si trova a viverle da solo. Giovani e adulti, famiglie e anziani, da soli o in compagnia. Il pranzo è aperto a tutti. Continue reading »

“Facciamoli diventare grandi, insieme”. Non è solo uno slogan, ma un impegno. Per testimoniare e rinnovare ancora una volta le ragioni di una bella e feconda alleanza, quella tra Azione Cattolica e Fondazione Telethon; per promuovere e sostenere un bene comune come la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare; per dare speranza e futuro a tante persone di ogni età, in particolare ai tantissimi bambini e bambine e alle loro famiglie, aiutandoli a diventare grandi insieme. Continue reading »

Deceduto il prof. Mario Gnocchi: uomo di cultura e di fede, dal 2004 al 2012 fu presidente nazionale del Segretariato Attività Ecumeniche
I funerali mercoledì 27 dicembre alle 11 nella chiesa di Sant'Agata a Cremona

Venerdì 22 dicembre è morto a Cremona il prof. Mario Gnocchi. In una mattinata luminosa di sole inaspettatamente primaverile, a 89 anni da poco compiuti, è giunto al compimento del suo cammino. I funerali si terranno la mattina di mercoledì 27 dicembre, alle 11, nella chiesa di Sant’Agata. La notizia dolorosa si è rapidamente diffusa in città perché il prof. Gnocchi era largamente conosciuto: professionista assai stimato, uomo di raffinata e vasta cultura e di fede profonda, amico generoso e fedele. Continue reading »

Grande partecipazione per la Festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali, vissuta da Coldiretti nella mattinata di mercoledì 17 gennaio in Cascina Sant’Antonio a Castelvisconti, presso l’azienda agricola Locatelli. Continue reading »

Nel pomeriggio di sabato 17 febbraio si è svolta l’assemblea elettiva diocesana dell’Azione Cattolica. Intitolata “Testimoni di tutte le cose da lui compiute”, è stato un momento di riflessione di quanto fatto e vissuto come AC in questi ultimi anni attraverso un lavoro di lettura della realtà diocesana che le associazioni di base vivono. Continue reading »

A Cremona un pomeriggio tra giochi, preghiera e testimonianze con “La pace in testa”

La speranza di una pace possibil ha animato il pomeriggio di domenica 28 gennaio tra la piazza del Comune di Cremona, la Cattedrale e gli spazi del palazzo comunale. Una giornata – come suggerisce il titolo dell’evento – con “La pace in testa”, proposta in sinergia da numerose associazioni del territorio per i bambini, i ragazzi e gli adulti della diocesi.

«Abbiamo ripreso questa storica iniziativa perché ci sembrava importante approfondire, collaborando, il tema della pace», ha spiegato Emanuele Bellani, responsabile diocesano di Azione cattolica, organizzatrice dell’evento insieme al Csi di Cremona, alle Acli, agli Scout Cngei “Cremona 1”, agli Scout di Cristo Re, agli Scout adulti del Masci, a Pax Christi Cremona, alla Federazione oratori cremonesi e all’ufficio di Pastorale sociale e del lavoro della Diocesi di Cremona. «È vero che per la pace, nei contesti di guerra, possiamo fare poco, perché sono lontani da noi, ma la pace deve partire da noi».

Una piazza, tra la Cattedrale e il Comune, popolata da bambini e ragazzi provenienti dalle diverse zone pastorali, che, per un’ora, si sono cimentati in diversi giochi e sport, organizzati supervisionati dal Csi: pallavolo, pallamano, “Sforza 4” (una variante a quattro squadre del tiro alla fune), hockey, giochi della tradizione e molti altri. Tante squadre impegnate, che hanno rappresentato idealmente tutte quelle nazioni che attualmente non vivono una situazione di pace, ma che la stanno cercando. Ad animare il pomeriggio in piazza Stefano Priori, in arte Beru. Presenti anche alcuni stand per i più piccoli, con palloncini e facepainting a tema. Al termine di questa iniziativa, tutti i presenti si sono spostati all’interno della Cattedrale, per un momento di riflessione e preghiera.

Dalle 17.30, invece, nella Sala Quadri del Palazzo Comunale, ha avuto luogo l’iniziativa “Azioni di pace” per gli adolescenti, giovani e adulti: testimonianze, racconti e azioni concrete di pace a livello nazionale e a livello locale. Sono intervenuti Emanuele Bottini e Veronica Porzionato, che hanno illustrato i progetti di Operazione Colomba, il corpo nonviolento di pace dell’associazione Papa Giovanni XXIII, Giovanni Fusar Poli, di Pax Christi, e gli studenti del liceo Vida di Cremona, accompagnati dalla professoressa Caterina Piva, a presentare la sezione Rondine, proposta socio-educativa, approvata dal Ministero dell’Istruzione, che si ispira al metodo di “Rondine Cittadella della pace”, situata in provincia di Arezzo. Questo momento è stato moderato da Marco Dasti, responsabile giovani dell’Azione Cattolica di Cremona, che ha introdotto gli interventi e «le storie di chi per la pace lavora tutti i giorni e in tanti modi».

«Operazione Colomba nasce nei primi anni ’90 da due comunitari della “Papa Giovanni XXIII”, che decidono di fare questa opera innovativa, portando un messaggio di pace nelle zone di conflitto – ha spiegato Emanuele Bottini a margine dell’evento –. Da allora sono passati trent’anni e Operazione Colomba è attiva in diversi paesi al mondo, in Europa, Sud America e Medio Oriente, e porta questo messaggio di pace basandosi su tre pilastri: la condivisione, l’equidistanza tra le parti e, soprattutto, la nonviolenza».

Dopo Bottini e Porzionato, che hanno approfondito le loro personali esperienze di volontariato in Grecia, nel mezzo dei flussi migratori dal Medio Oriente, e in Albania, ha preso la parola Giovanni Fusar Poli, consigliere nazionale di Pax Christi: «Voglio parlare ai giovani della responsabilità che ognuno di noi ha nella vita politica nel nostro paese e a livello mondiale, in una politica intesa come ricerca del bene comune – ha sottolineato –. Chi ci governa non viene dal cielo, ma è eletto da noi; quindi è nostro il diritto, ma anche il dovere, di informarci su quello che succede per poi fare scelte che siano secondo i valori della nostra coscienza». Ha poi aggiunto: «Il disarmo nucleare diventa ancora più urgente nei nostri giorni. Bisogna impegnarci perché si arrivi all’eliminazione di questi strumenti di morte, che non mettono in pericolo solamente la vita umana, ma la vita dell’intero pianeta».

Hanno chiuso il pomeriggio gli interventi degli studenti e delle studentesse del liceo Vida, e della loro insegnante, Caterina Piva. «La Cittadella è un luogo magico dove ci si occupa di pace, o meglio, di conflitto – ci ha spiegato la professoressa Piva –. Lì operano alcuni professionisti, che hanno iniziato la loro carriera come mediatori in zone di guerra e che da queste esperienze hanno dato vita ad altre esperienze simili e a un metodo per la risoluzione del conflitto». Ha dunque concluso: «Un conflitto che, quando degenera, diventa guerra, ma se non degenera è qualcosa di normale e appartiene a tutte le nostre vite e a tutti i nostri ambienti. Il metodo Rondine quindi noi lo applichiamo alla quotidianità della vita scolastica, affinché a scuola si venga volentieri e si stia bene, e, soprattutto, perché diventiamo cittadini consapevoli del proprio tempo».

Sfoglia la Fotogallery completa

 

Anpc, Franco Verdi eletto all’unanimità presidente
Prende il testimone dall'indimenticato storico presidente Angelo Rescaglio

Nuovo Consiglio direttivo dell’Anpc (Associazione nazionale partigiani cristiani) di Cremona: dopo la scomparsa dell’indimenticabile storico presidente Angelo Rescaglio, all’unanimità è stato eletto presidente Franco Verdi, figura assai nota a Cremona. Assume l’incarico di vicepresidente la signora Agostina Agosti, mentre Giorgio Carnevali è stato riconfermato come coordinatore. Continue reading »